“Il biometano fatto bene: la gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti”

Seminario Formativo a Civitavecchia-31 gennaio

 

La gestione dei rifiuti sconta, del Centro-Sud Italia, una serie di ritardi degli ostacoli che pesano sulle amministrazioni locali e sui cittadini. Mentre nel Nord Italia l’abbinamento della digestione anaerobica con l’utilizzo della frazione umida dei rifiuti, ha trasformato la raccolta differenziata in un servizio economicamente sostenibile, come in tutti i paesi europei più avanzati, nel resto dell’Italia questa è spesso rimasta un obbligo pesante per le amministrazioni locali.

Così oggi avviene che la frazione umida debba essere trasportata a lunghe distanze, dai centri di raccolta a quelli di trattamento, da cui derivano differenze di costi che possono arrivare vicini ad un raddoppio, rispetto alle tariffe di smaltimento delle regioni più avanzate, dove la produzione di biogas e di compost di qualità da digestione anaerobica sono il prodotto finale.

La possibilità, finalmente realizzabile, di alimentare i mezzi pubblici con il biometano prodotto dal biogas consente di chiudere il ciclo dei rifiuti con grande efficienza ambientale complessiva.

Il convegno che si terrà a Civitavecchia il prossimo 31 gennaio dalle ore 9, presso l’Hotel San Giorgio, presenterà le principali novità contenute nella revisione del decreto sul biometano, di recente pubblicato in bozza di consultazione.

La quota di partecipazione al seminario è di 50 euro iva inclusa, gratis per i soci DAEL, Fiper, CMA, FEDERMETANO, Utilitalia. E’ necessaria la pre-registrazione online sul sito www.agroenergia.eu

Marina Ranaldo

Ufficio stampa – Agroenergia
0131 1935479

m.ranaldo@admil.com

www.agroenergia.eu

Chi siamo

AdMil è una società dedicata ai servizi per le energie rinnovabili in agricoltura e alle tecnologie collegate, attiva da oltre 30 anni. I servizi, che offre sotto il marchio registrato Agroenergia, comprendono eventi di formazione e diffusione di conoscenze, studi di fattibilità, analisi strategiche.  AdMil partecipa anche a progetti di ricerca aventi per oggetto lo sviluppo di nuove tecnologie, al servizio delle agroenergie. Ha la sua sede operativa a Tortona (AL), all’interno del Polo di Innovazione delle Energie Rinnovabili e