L’ “AGONE NUOVO” E L’ISTITUTO ALBERGHIERO DI LADISPOLI:

UNA COLLABORAZIONE NEL SEGNO DELL’ECCELLENZA

Molteplici e diversificate le iniziative che nell’anno scolastico 2015/2016 hanno visto collaborare l’Associazione Culturale “L’Agone” con l’Alberghiero di Ladispoli (www.isisdebegnac.net). La storica Scuola Professionale di via Federici, nata come succursale dell’Istituto Statale dei Servizi Alberghieri e di Ristorazione di Tor Carbone in Roma e divenuta poi autonoma, vede crescere di anno in anno i suoi iscritti ed è ospitata oggi nella vasta area adiacente alla Biblioteca Comunale, in una nuova sede inaugurata nel Gennaio del 2013, dotata di ampi laboratori all’avanguardia per attrezzature e dotazioni tecnologiche.

Educazione alla legalità, alla sicurezza e alla salute, lotta al disagio giovanile e alla dispersione scolastica, politiche di integrazione e di inclusività: questi solo alcuni dei temi di riflessione alla base dei seminari e degli incontri pubblici organizzati in collaborazione con “L’Agone Nuovo” presso l’Alberghiero di Ladispoli e in vari centri del territorio.

Il 2 Aprile, nei locali dell’Ex-Consorzio Agrario di Anguillara, si è discusso della Legge n. 41/2016 sull’Omicidio stradale e della Legge Regionale 202/2016 sulle misure di prevenzione e di contrasto al fenomeno del bullismo. Seduti allo stesso tavolo, sotto la guida del Direttore del giornale “L’Agone” Luca Cesari, si sono confrontati, fra gli altri relatori, la Prof.ssa Lucia Lolli, Vicepreside dell’Istituto Alberghiero di via Federici, l’Onorevole Emiliano Minnucci, membro della Commissione Trasporti della Camera, che ha seguito sin dalla nascita il contrastato percorso di approvazione del D.D.L. 859 poi tramutato in Legge, e il Consigliere Regionale Massimiliano Valeriani, promotore e primo firmatario della Proposta di Legge 202/2016 (“Disciplina degli interventi regionali in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo”). Ma sono intervenuti anche l’Avv. Domenico Musicco, Presidente dell’AVISL (Associazione Vittime Incidenti Stradali), il Dott. Pasquale Maria Amantea, il Dott. Giuseppe Barletta, Dirigente Area Sert dell’Asl Rm4, il Dott. Giuseppe Quintavalle, Direttore Generale dell’Asl Rm 4, la Dott.ssa Carola Celozzi, Dirigente del Centro Salute Mentale dell’Asl Rm 4 e l’Avv. Silvia Gelso. Unanime e condiviso l’impegno a promuovere una solida “cultura delle regole e della cittadinanza”, attivando tutte le possibili sinergie fra i vari soggetti della realtà locale, riunendo i saperi, le conoscenze e le competenze presenti sul territorio.

Il 13 Maggio si è replicato con l’On. Emiliano Minnucci sui temi della sicurezza stradale, dell’educazione alla salute e alla legalità, nella Sala Conferenze dell’Alberghiero di Ladispoli, con un parterre allargato ad altri relatori: da Federico Ascani, Consigliere della Città Metropolitana di Roma Capitale, alla Prof.ssa Avv. Claudio Amoroso, Docente di Diritto Civile e Aeronautico all’Istituto Superiore “Salvo D’Acquisto” di Castel Giuliano, dal Generale Giuseppe D’Accolti, alla Dott.ssa Cinzia Cocilovo della Asl Rm F, alla Prof.ssa Clelia Formiconi, Coordinatrice del Movimento “Strada alla vita” (www.stradaallavita.it), accompagnata da Claudio Martino, Addetto-Stampa AIFVS (www.vittimestrada.eu) e Presidente AUFV, Associazione Unitaria Familiari e Vittime (www.aufv.it). “La strada è il primo spazio delle relazioni sociali. Dobbiamo fare in modo che diventi una palestra di civiltà e non un luogo di morte” – ha sottolineato la Prof.ssa Formiconi. A chiudere i lavori, il Presidente dell’Associazione Culturale “L’Agone Nuovo”, Giovanni Furgiuele, organizzatore del convegno: “Fate tesoro dell’esperienza degli adulti – ha detto rivolgendosi agli studenti – Non dobbiamo solo reclamare i nostri diritti, ma anche e soprattutto meditare sui nostri doveri. L’Italia ha bisogno di regole certe. Saperi, cultura, informazione e tecnologia sono a nostra e a vostra disposizione. Impariamo ad usarli per promuovere la vita”.

E il 6 Aprile, nell’ambito del Progetto ‘Continuità e Orientamento’ dell’Alberghiero di Ladispoli, l’Istituto di via Federici ha incontrato la Scuola Media “Enzo Biagi” di Osteria Nuova, per una lezione dimostrativa sul tema del rapporto fra Cibo e Adolescenza, sempre in collaborazione con “L’Agone Nuovo”. Al tavolo dei relatori la Prof.ssa Betty Carlini, Docente di Scienze dell’Alimentazione e gli allievi del V Anno Giulia Miscia e Mattia Tassi. “Forse non tutti conoscono i dati relativi alla diffusione dei disturbi del comportamento alimentare – ha sottolineato la Prof.ssa Carlini – Nel Lazio queste malattie coinvolgono oltre 211mila persone, spesso anche bambini e pre-adolescenti. 17.000 sono i casi di anoressia, 76.000 quelli di bulimia, 117.000 i disturbi da alimentazione incontrollata. Non a caso la Regione Lazio ha recentemente approvato un Decreto mirante al miglioramento della rete di assistenza territoriale. Sono ormai diverse e numerose – ha proseguito la Docente – le evidenze che inducono a considerare come prioritari l’azione e l’impegno della scuola nel settore dell’Educazione Alimentare”.

Soddisfazione per i contenuti e il successo di tutte le iniziative intraprese è stata espressa dalla Preside dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli, Prof.ssa Vincenza La Rosa e dalla Vicepreside Prof.ssa Lucia Lolli: “E’ un onore per noi – hanno dichiarato – collaborare con il dott. Giovanni Furgiele e con “L’Agone Nuovo”, l’Associazione Culturale da lui presieduta. Affrontare in un’ottica sistemica e sinergica i grandi temi sociali e i problemi della contemporaneità aiuta a trovare insieme le soluzioni più efficaci. Condividiamo la passione per il nostro lavoro, l’impegno civile e la fiducia nella possibilità di migliorare il mondo che ci circonda”.